Eventi

#LUMINFORMA

Lavori del futuro: figure professionali, competenze e lauree più richieste

condividi

Le professioni del futuro in un mercato in continua evoluzione

I lavori del futuro che saremo chiamati a svolgere nei prossimi anni non rappresentano un insieme di attività statico e facilmente prevedibile: al contrario, il mercato del lavoro in cui questi sono inseriti rappresenta una realtà estremamente mutevole e dinamica, chiamata sempre più insistentemente ad adattarsi alle richieste delle imprese e alle loro esigenze di crescita e di competizione a livello globale.

Quali sono i mestieri del futuro e quali saranno i titoli di laurea più richiesti nei prossimi 5 anni? Quali nuove competenze servirà acquisire per una carriera luminosa e all’avanguardia, che sia pronta a cogliere nuove sfide e brillanti opportunità?

Siamo pronti a svelarvelo. Con una dovuta premessa.

Economia, giurisprudenza e medicina sono le lauree del futuro 

Sapevi che il fabbisogno di laureati in futuro da parte del sistema economico si attesta intorno a 1,2 milioni di unità? Uno studio condotto da ANPAL e Unioncamere sul fabbisogno occupazionale a medio termine delle aziende, ha dimostrato che le lauree più richieste entro il 2025 saranno quelle conseguite nelle aree di economia e giurisprudenza, seguite dai titoli in medicina e in ingegneria. Vediamo più nel dettaglio le lauree più richieste nel futuro e nelle quali conviene investire per la propria formazione universitaria:

  1. Area Economico-Statistica: fabbisogno stimato di circa 40.000 unità;
  2. Area Giuridica e Politico-Sociale: fabbisogno stimato di 39.000 unità;
  3. Area Medico-Sanitario: fabbisogno stimato dalle 33.500 alle 35.300 unità;
  4. Area Ingegneria: fabbisogno stimato dalle 31.500 alle 34.600 unità.

Incrociando i dati della domanda con l’offerta media di laureati prevista per il quinquennio, è invece emersa una generale situazione di lieve carenza nel numero di laureati in ingresso nel mercato. I dati sul futuro del lavoro sono chiari: il fabbisogno occupazionale dei settori privati e pubblici entro il 2025 è compreso tra i 3,5 e i 3,9 milioni di lavoratori, dimostrando come l’idea di un mercato saturo di laureati sia solo un falso mito, specialmente per quanto riguarda le aree sanitarie, giuridiche e scientifiche.

Medici, economisti, ingegneri, giuristi: il futuro vi aspetta!

Immaginiamolo insieme.

10 lavori del futuro tra innovazione, digitalizzazione e nuovi scenari

I settori del futuro sono sempre più orientati alle innumerevoli opportunità di innovazione, offerte dalla diffusione delle nuove tecnologie digitali e dal progresso scientifico; allo stesso modo, un’attenzione sempre più crescente sarà rivolta ai mestieri emergenti nell’ambito della sostenibilità ambientale. I green jobs rappresentano una nuova prospettiva d’impiego per chi intende costruire sin da subito la propria carriera e richiederanno professionalità dotate di conoscenze trasversali, romanticamente devote a una transizione verde del mondo in cui viviamo. Vediamo nel dettaglio le professioni del futuro più ambite sul mercato del lavoro nei prossimi cinque anni.

1. Manager della Transizione Digitale

La rivoluzione digitale è già in atto e per le aziende è sempre più fondamentale assumere figure professionali esperte in ambito economico-manageriale, tecnologico e statistico-matematico. I futuri manager della digital transition avviano i processi di trasformazione digitale in organizzazioni aziendali di vario tipo, permettendo un approccio innovativo nella realizzazione di modelli di business fondati sull’applicazione strategica delle nuove tecnologie digitali. Creare valore, in modo disruptive, abbracciando il coraggio di innovare: pronti alla sfida?

2. Project Manager

Una seconda figura che godrà di brillanti opportunità lavorative in futuro è quella del Project Manager. Questo professionista si occupa di avviare, pianificare, mettere in atto e concludere un progetto aziendale, con la responsabilità di monitorarne l’andamento e di condurre il proprio team verso l’obiettivo desiderato dal cliente. Leadership, capacità relazionali e gestionali, ma non solo: custodire una visione operativa e completa dei progetti è uno step decisivo per il successo delle aziende, che in futuro potrebbero non poter fare più a meno di un PMO che sia fortemente goal-oriented.

DIGITAL TRANSFORMATION E PROJECT MANAGEMENT: SCOPRI IL NUOVO CORSO DI LAUREA LUM IN INGEGNERIA GESTIONALE

3. E-commerce Manager

L’economia e il mercato post-pandemici sono stati chiamati ad affrontare una sfida senza precedenti, rispondendo alle esigenze di una società le cui esigenze di acquisto sono irreversibilmente mutate. I business online e le piattaforme e-commerce rappresentano i nuovi paradigmi del tessuto imprenditoriale attuale e i futuri manager del commercio elettronico sono chiamati ad acquisire competenze specifiche di digital marketing e project management. L’obiettivo? Creare, coordinare e gestire le attività di vendita online dell’azienda, definendo strategie orientate alla generazione di revenue derivanti da prodotti o servizi esposti in vetrina sul web.

4. SEO Specialist

Conosce Google e ogni suo segreto, esprime concetti in parole chiave, si immedesima empaticamente nell’utente e nelle sue curiosità, si occupa di posizionare i contenuti online in cima all’elenco dei risultati sui motori di ricerca: i lavori digitali del futuro non possono prescindere da strategie di content marketing ottimizzate e il SEO Specialist sarà una figura chiave sempre più richiesta dalle aziende, per aumentare l’autorevolezza, la visibilità e il traffico organico di un sito web di qualsiasi natura.

5. Data Scientist

Al giorno d’oggi i big data sono elementi fondanti della nostra vita quotidiana e descrivono quasi ogni aspetto del nostro vivere sociale. All’interno di un’azienda, il ruolo di un Data Scientist si focalizza sull’organizzazione e sull’analisi di grandi quantità di dati: strumenti all’avanguardia quali analytics, tecnologie in cloud, automazioni e machine learning risultano oggi fondamentali per prendere decisioni orientate alla crescita dell’azienda. Disporre di una figura professionale interna in grado di raccogliere e codificare dati strutturati e non strutturati aiuterà le aziende del futuro a guadagnare competitività e a conoscere al meglio il proprio target di riferimento.

6. Cloud Architect

Un lavoro digitale emergente che merita di essere certamente menzionato è quello del Cloud Architect. Questa nuova figura professionale si presenta come un architetto dei sistemi informatici, che ha il compito di rendere più agili i processi aziendali di gestione, comunicazione e condivisione delle informazioni. Nel dettaglio, un architetto del cloud si occupa di progettare e costruire ambienti in cloud scalabili e flessibili, offrendo una risposta positiva al cambiamento e garantendo un adattamento più rapido alle esigenze di business di un’impresa.

DIGITAL ECONOMY E LAVORI FUTURI: SCOPRI I CORSI DI LAUREA LUM IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

7. Manager della Ristorazione

Fra le nuove figure professionali nella ristorazione c’è quella dello chef imprenditore, un esperto in gastronomia in grado di coniugare l’amore per la cucina con il proprio fiuto per gli affari e l’imprenditorialità sociale. L’imprenditore della ristorazione è una figura professionale emergente che crea, sviluppa e gestisce un’attività di business con una forte specializzazione nel settore dell’accoglienza, ricoprendo un ruolo di vertice nel top management della ristorazione italiana e valorizzando la cultura enogastronomica italiana in maniera completamente nuova.

SOGNI UN FUTURO NELLA RISTORAZIONE ITALIANA? SCOPRI L’ESCLUSIVO CORSO DI LAUREA LUM IN ENOGASTRONOMIA D’IMPRESA

8. Giurista d’Impresa

Il giurista d’impresa è un professionista che svolge attività di consulenza per le imprese in ambito giuridico, aiutandole a definire politiche legali, commerciali e tributarie ben definite. In altre parole, è un figura che si occupa di tutelare gli interessi giuridici dell’azienda in cui opera, orientandone le decisioni in modo da calcolare, prevenire o evitare i rischi di natura legale. In secondo luogo, il giurista d’impresa fornisce giudizi circa l’attendibilità delle indicazioni legislative da adottare, si occupa della gestione di eventuali contenziosi o controversie legali, nonché mantiene saldi i rapporti con le istituzioni di riferimento.

9. Criminologo

All’interno delle attività professionali nel settore delle scienze criminologiche, sta diventando sempre più richiesta la figura di un criminologo che abbia una completa conoscenza degli strumenti d’indagine adottati dalla comunità scientifica. Studiare i crimini di qualsiasi natura, scovare i criminali e affiancarli psicologicamente durante la detenzione e il reinserimento, prevenire i reati pubblici o ambientali e lottare contro frodi aziendali o bancarie: tribunali, procure, carceri, uffici di polizia avranno sempre più bisogno nei prossimi anni di professionisti esperti nel settore!

10. Avvocato d’Affari Internazionale

L’avvocato d’affari che opera in campo internazionale si distingue dalle figure più tradizionali, per il suo approccio più ampio e dinamico al diritto e all’economia. Gli sviluppi sempre più globali del mercato richiederanno, in futuro, un numero sempre più ampio di esperti in macro e micro-economia, con competenze integrate nella conoscenza dei sistemi normativi e dei meccanismi dei mercati internazionali. Leggere un bilancio di impresa, predisporre ed interpretare documenti contrattuali, assistere un’azienda nei processi di internazionalizzazione, applicare le conoscenze relative al diritto commerciale e ai mercati finanziari: sei pronto a una carriera giuridica internazionale?

SENZA GIUSTIZIA NON C’È FUTURO: SCOPRI DI PIÙ SUI CORSI DI LAUREA LUM IN GIURISPRUDENZA

Green Jobs: perché sono le professioni del futuro

Una considerazione a parte va fatta per i green jobs, i lavori futuri legati alla sostenibilità ambientale, alla salvaguardia e al benessere della Terra. Nel corso degli anni le aziende sono diventate sempre più sensibili alle tematiche sociali riguardanti la salute del nostro pianeta: nel 2015, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha lanciato il piano Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, fissando degli obiettivi a lungo termine per la trasformazione del mondo economico, ambientale e sociale. Tra questi obiettivi, vi è disegnata una nuova realtà circolare completamente eco-friendly, orientata a una transizione green imminente.

A livello globale, gli investimenti in prodotti finanziari verdi sono in espansione, il mercato ha iniziato a cogliere le infinite opportunità che l’economia verde ha da offrire e sono stati raggiunti nuovi record riguardanti i prestiti green, legati alla sostenibilità: è così che le imprese più virtuose hanno iniziato a impiegare maggiori risorse economiche nella creazione di nuovi posti di lavoro per i giovani e nell’acquisizione di capitale umano specializzato nel settore green. In questo contesto, lo studio Unioncamere del 2021 sul fabbisogno occupazionale delle aziende ha stimato che la richiesta di figure professionali in possesso di competenze green oscillerà, entro il 2025, tra i 3,5 e le 3,8 milioni di unità.

Nuovi lavori green: quali figure professionali richiederà il mercato?

Le professioni verdi del futuro sono vincolate alle nuove competenze green emergenti, legate al risparmio energetico, all’ambiente, alla sostenibilità, all’economia circolare, al marketing ambientale e alla Green Economy più in generale. Va da sé che i green jobs più ricercati per i prossimi anni sono prevalentemente individuati in questi ambiti di specializzazione. Ecco alcuni esempi:

  • Esperto di energia sostenibile
  • Marketers ambientale
  • Project manager nel settore green
  • Figure gestionali legate ai prodotti finanziari green
  • Project finance verde
  • Ingegnere energetico
  • Giurista ambientale
  • Manager della sostenibilità
  • Specialista in contabilità verde
  • Esperto in fondi di investimento green
  • Addetto commerciale per la promozione di nuovi materiali sostenibili
  • Responsabile degli acquisti green

La rivoluzione verde è destinata a colpire tutti i settori dell’economia e interesserà non solo i nuovi green jobs, ma anche occupazioni già esistenti. Anche nel settore agroalimentare acquisiranno sempre più valore le competenze legate all’ecosostenibilità, come l’attenzione all’uso efficiente delle risorse alimentari, alla riduzione degli sprechi e all’impiego di produzioni di qualità a chilometro zero. Le aziende cercheranno sempre più figure professionali specializzate di questo tipo, per riuscire ad adeguarsi ai tempi e per non perdere le opportunità che il mercato, in continua crescita, saprà offrire.

CARRIERA ALL’ESTERO? CONSEGUI UNA DOPPIA LAUREA INTERNAZIONALE CON I DOUBLE DEGREE LUM

I mestieri del futuro fra e-skills e competenze integrate

Il futuro che ci aspetta ha le sembianze di un mondo ultra-dinamico orientato all’innovazione, alla sostenibilità e alla digitalizzazione: per questo motivo il successo nel lavoro di domani non può prescindere dal possesso di competenze trasversali integrate. Per accogliere al meglio le sfide derivanti dalle professioni emergenti, si è chiamati sin dai primi giorni di studi ad accogliere l’ineluttabile necessità di evolvere il proprio modo di pensare e agire: per farlo, bisognerà integrare le proprie conoscenze con nuove abilità, per mostrarsi continuamente permeabili alle mutevoli esigenze del mercato economico. Uno studio del World Economic Forum sul futuro del lavoro ha indicato le principali 10 skill del futuro:

  1. Analytical thinking e orientamento all’innovazione
  2. Active learning
  3. Problem solving
  4. Pensiero critico e analitico
  5. Creatività e spirito di iniziativa
  6. Leadership e capacità di influenza sociale
  7. Capacità tecnologiche, di monitoraggio e controllo
  8. Design tecnologico e programmazione
  9. Resilienza, resistenza allo stress, flessibilità
  10. Ragionamento avanzato

E-skill mix: le nuove competenze digitali

In secondo luogo, nel rapporto emerge come il mercato del lavoro in futuro sarà inderogabilmente connesso ai processi di trasformazione digitale e all’acquisizione di e-skills integrate: la transizione che stiamo osservando è il risultato di una serie di cambiamenti epocali, derivanti dai progressi in campo tecnologico, dall’esplosione di nuovi dati con cui osservare il mondo e dalla nascita di nuovi processi automatizzati.

Per affrontare un futuro technology-driven è necessario il possesso di un mix di nuove competenze digitali: alle competenze elementari di base, quali l’uso di tecnologie internet e di strumenti di comunicazione e collaborazione, andranno affiancate la capacità di utilizzare linguaggi e metodi matematico-informatici, di creare contenuti digitali e di gestire soluzioni in maniera innovativa, con un occhio alla cyber security.

Hai già dato un’occhiata ai nostri corsi di laurea?

Competenze mediche

Il settore medico-sanitario sta registrando, a livello nazionale, una crescente domanda di competenze sanitarie e di assistenza, connesse a una popolazione che tende a invecchiare e all’adeguamento dei sistemi sanitari avvenuto nel periodo post-pandemico. La società di oggi, infatti, è sempre più rivolta a una maggiore prevenzione e a un presidio medico territoriale sempre più capillare.

I medici del futuro dovranno essere competenti non solo in una prospettiva tecnico-scientifica, ma anche preparati verso le nuove esigenze culturali e i nuovi bisogni di salute di una quotidianità in rapida evoluzione, sensibile ai principi etici e deontologici della professione medica.

SCOPRI IL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE LUM IN MEDICINA E CHIRURGIA

Qui all’Università LUM offriamo corsi di laurea triennale e magistrale nelle aree di studio più richieste dalle aziende. I nostri percorsi di studio rispecchiano le esigenze del mercato e formano le figure professionali del futuro destinate a una carriera di successo.

Naviga sul nostro sito per scoprire le offerte formative e contattaci per ricevere maggiori informazioni.

Il futuro è adesso. In Puglia.


Altri Eventi