News

#LUMINFORMA

27 MAGGIO 2020

Rapporto Almalaurea: l’Università Lum si conferma il miglior ateneo in Puglia e tra i migliori atenei in Italia.

condividi

Il “Rapporto 2019 sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati” realizzato dal Consorzio Alma Laurea conferma che i laureati dell’Università Lum trovano più facilmente lavoro rispetto alla media regionale e sono meglio retribuiti. Ma soprattutto ben il 97% è soddisfatto dell’esperienza del proprio percorso universitario alla Lum.

Sono due le indagini realizzate da Alamalaurea: il Rapporto sul Profilo dei laureati, che si basa su una rilevazione che coinvolge oltre 290mila laureati del 2019 di 75 Atenei e il Rapporto sulla Condizione occupazionale dei laureati, che  si basa su un’indagine che riguarda circa 650mila laureati di 76 Atenei e analizza i risultati raggiunti nei mercati del lavoro di Italia, Europa e resto del mondo dai laureati nel 2018, 2016 e 2014, intervistati rispettivamente ad 1, 3 e 5 anni dal conseguimento del titolo.

Entrambi gli studi premiano anche quest’anno l’Università LUM.


Analizzando i vari profili di cui si compone lo studio sulla “soddisfazione”, i laureati collocano la Lum al di sopra della media nazionale e regionale.

Il 95% dei laureati è soddisfatto del rapporto con il corpo docente (in Puglia la soddisfazione è all’85%), e il 94,3% ritiene il carico di studio adeguato alla durata del corso (81,1 in Puglia). In merito alle infrastrutture messe a disposizione dall’Ateneo, il 97,1% dei laureati che le ha utilizzate considera le aule adeguate (62,3 il dato regionale). Più in generale, il 97,2% dei laureati si dichiara soddisfatto dell’esperienza universitaria nel suo complesso (89 in Puglia).

Quanti si iscriverebbero di nuovo all’Università? L’82,3% dei laureati sceglierebbe nuovamente lo stesso corso e lo stesso Ateneo: un altro dato che segna il primato dell’Università LUM in ambito regionale.

«Sono dati molto positivi – afferma il Rettore Emanuele Degennaro – di cui siamo orgogliosi. Ci spingono a fare sempre meglio per favorire la formazione e la crescita di un gruppo sempre più ampio di giovani che possano, con competenza, inserirsi nel complesso mercato del lavoro e diventare il volano della crescita economica della nostra società».


Non solo soddisfazione ma anche placement e retribuzione tra gli indicatori che premiano l’Università LUM.

Ad esempio, analizzando il dato riguardante l’occupazione a cinque anni dal conseguimento del titolo universitario, l’86% dei laureati magistrali biennali del 2019 (81,7% la media regionale) è occupato. La retribuzione media a un anno dalla laurea è di 1.433 euro mensili netti, a cinque anni dal titolo sale a 1.475 euro (1341/1448 i dati a livello regionale), e 1.685 euro la retribuzione media dei laureati magistrali biennali.



Altre news